CHI SIAMO    CONTATTACI    ENGLISH    ESPAÑOL    FRANÇAIS    ARABIC    ALTRE LINGUE... 
    12:54 GMT  
IPSNotizie in RSS
  Un'altra informazione per fare leggi sugli MDG - IPS Inter Press Service
  Politica  
  Economia  
  Sviluppo  
  Salute  

Un’informazione puntuale e ragionata sulle aree in via di sviluppo alle quali sono indirizzati gli Obiettivi del Millennio (MDG) è strumento indispensabile per i Parlamentari, che legiferano e determinano le politiche da perseguire a livello nazionale, verificando l'impegno dei rispettivi Governi a favore degli MDG. In quanto rappresentanti dei cittadini, i parlamentari sono le fonti e i canali della volontà politica che sconfiggerà la povertà nel mondo.
A loro è rivolta la newsletter quindicinale "Un'altra informazione per gli obiettivi del millennio" - pubblicata da IPS in collaborazione con la Presidenza della Commissione Esteri della Camera dei Deputati e la Direzione Generale per la Cooperazione allo Sviluppo del Ministero degli Esteri italiano - che riprende i temi trattati in questa pagina.

Gli Obiettivi del Millennio sono gli otto traguardi volti a sradicare la povertà estrema entro il 2015 e promuovere lo sviluppo sostenibile, concordati nel 2000 dai leader di 189 paesi dell’ONU, tra cui l’Italia.

Pagina ufficiale degli Obiettivi di sviluppo del Millennio ­ ONU
Campagna italiana per gli Obiettivi di Sviluppo del Millennio
Data base sugli Indicatori del Millennio (ingl.)
United Nations Development Programme
Millennium Project (ingl.)
UN-NGOs Liaison Service
IPS declina ogni responsabilità per i contenuti dei siti segnalati.


Iniziativa del ministro dell’Interno italiano per l’inserimento dei migranti
Rose Delaney
ROMA (IPS) - Finora, il 2016 si è rivelato fatale per migliaia di migranti che hanno tentato di attraversare il Mediterraneo per trovare la salvezza in Italia. Tra gennaio e marzo, si è registrata una allarmante spirale di morti tra i migranti e i rifugiati nel loro viaggio della speranza dal Nord Africa verso l’Italia.
CONTINUA >>
 

Articolo d'opinione
La guerra nucleare può essere evitata?
Gunnar Westberg
GÖTEBORG, Svezia (IPS) - La
Commissione di Canberra per l’eliminazione delle armi nucleari era composta da ex politici di spicco e alti ufficiali dell’esercito; tra questi, un feldmaresciallo britannico, un generale americano, un segretario della Difesa americano e un Primo ministro francese.
CONTINUA >>
 

IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Africa
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   America Latina
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Asia e Oceania
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Europa
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Iraq e Asia Centrale
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Nord America
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   Medioriente
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ENGLISH
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ESPAÑOL
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   FRANÇAIS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ARABIC
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   DEUTSCH
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   ITALIANO
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   NEDERLANDS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   PORTUGUÊS
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SUOMI
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SVENSKA
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   SWAHILI
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
   TÜRKÇE
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa
IPSNotizie  in RSS / XMLSeguici su FacebookSeguici su Twitter
IPS Inter Press Service Agenzia Stampa

Editoriale
Un'azione congiunta per un mondo privo di armi nucleari
Daisaku Ikeda
TOKYO (IPS) - Alla fine di aprile si aprirà a New York la Conferenza del Trattato di non proliferazione nucleare (TNP). E quest’anno, in cui ricorre il settantesimo anniversario dei bombardamenti atomici su Hiroshima e Nagasaki, mi voglio unire al coro di chi chiede con urgenza un impegno serio e progressi concreti verso la realizzazione di un mondo privo di armi nucleari.
CONTINUA >>
 


I popoli indigeni, architetti dell’agenda per lo sviluppo post-2015
Valentina Gasbarri
ROMA (IPS) - “Non ereditiamo la Terra dai nostri padri ma la prendiamo in prestito dai nostri figli”, recita un antico proverbio indiano, che traduce l’essenza del concetto di sostenibilità così come è percepita dai popoli indigeni del mondo.
CONTINUA >>
 


L’ossessione di Israele per il monopolio nucleare in Medioriente
Thalif Deen
NAZIONI UNITE (IPS) - Nell’imminenza dei colloqui sul nucleare iraniano fissati per il 24 marzo, si anima il dibattito tra gli attivisti sul tema caldo della politica occidentale dei “due pesi e due misure” e, ancora di più, sul riemergere della vecchia proposta di un Medio Oriente libero dalle armi di distruzione di massa (ADM).
CONTINUA >>
 


La cittadinanza globale, risultato dell'emergere di una coscienza globale
Arsenio Rodriguez
MYRTLE BEACH, Carolina del Sud, USA (IPS) - La globalizzazione è un elemento integrante della modernità. Ha già fatto progressi importanti nel trasformare esperienze locali in realtà globali, unire i più disparati villaggi nel mondo in una comunità globale e integrare le economie nazionali in un’economia internazionale. Ma il processo di globalizzazione comporta anche la perdita di identità culturale.
CONTINUA >>
 

Editoriale
L'Educazione alla Cittadinanza Globale
Kartikeya V. Sarabhai
AHMEDABAD, India (IPS) - L’Educazione per lo Sviluppo Sostenibile (ESD dall’acronimo inglese) è un’iniziativa rivolta ai problemi legati all’ambiente, allo sviluppo economico e agli aspetti sociali. Dal 1972, anno della prima conferenza delle Nazioni Unite sullo Sviluppo Umano di Stoccolma, è andata progressivamente aumentando la consapevolezza del legame complesso tra conservazione dell’ambiente e sviluppo umano.
CONTINUA >>
 


A che punto è il divieto dei test nucleari, e delle armi nucleari?
Thalif Deen
NAZIONI UNITE (IPS) - Con l’inaugurazione della giornata internazionale contro i test nucleari, lo scorso 29 agosto, il segretario generale delle Nazioni Unite Ban Ki-moon ha lamentato che in un mondo minacciato da 17mila armi nucleari, nessuna di queste armi è stata ancora distrutta.
CONTINUA >>
 


Le organizzazioni religiose, attori fondamentali nella gestione dei disastri naturali
Kalinga Seneviratne
BANGKOK (IPS) - Un consorzio di organizzazioni religiose (Faith-Based Organizations, FBO) ha confermato il proprio impegno nella creazione di comunità resilienti in Asia a seguito di disastri naturali, secondo quanto dichiarato in occasione di una conferenza delle Nazioni Unite sulla riduzione del rischio di catastrofi (AMCDRR) a fine giugno.
CONTINUA >>
 


Dal conflitto religioso alla comunità interreligiosa
Kanya D'Almeida
NAZIONI UNITE (IPS) - Uomini eletti con i loro testi sacri hanno intriso di lacrime e sangue la storia dell’umanità. Dalle oscurità di templi pacifici, le persone sono state istigate ad imbracciare torce e forconi; da torri e minareti, messaggi di odio hanno fluttuato sopra i capi chini dei devoti in preghiera. Troppo a lungo la religione ha incitato alla violenza e alimentato il conflitto.
CONTINUA >>
 

 

 

Successive >>
Seminario Internazionale - "Il terzo Obiettivo del Millennio e il Ruolo dei Media"

[CaRP] XML error: not well-formed (invalid token) at line 33
CONTINUA >>
 A che punto è il divieto dei test nucleari, e delle armi nucleari?
 Editoriale: Un'azione congiunta per un mondo privo di armi nucleari
 Articolo d'opinione: La guerra nucleare può essere evitata?
 I popoli indigeni, architetti dell'agenda per lo sviluppo post-2015
 Un centro dell'informazione orientata alla governance globale *
 Cittadinanza globale: "Dall'io al noi alla pace"
 "Rompere il silenzio" sul traffico degli schiavi
 La voce delle donne siriane per un nuovo futuro
 OP-ED: Riportare il potere della gente al centro dell'azione cittadina
 Le religioni unite contro le armi nucleari